Fino a poco tempo fa la mansione d’imbianchino era inserita all’interno di una figura polifunzionale, infatti, il compito d’imbiancare le pareti era considerato un lavoro non necessariamente specializzato, che rientrava tra le mansioni dell’operaio edile, che si occupava non solo di ristrutturazioni o lavori di muratura, ma anche di tinteggiare le pareti.

Nell’ultimo anno però c’è stata la necessità di rendere questo lavoro qualcosa di più specialistico, non un qualcosa che potesse venir svolto da chiunque, ma un compito assolvibile da un professionista specializzato in questo settore. Così la Anvides, l’associazione che raggruppa le imprese che si occupano di imbiancare, restaurare, verniciare, decorare pareti e finiture, ha lanciato l’iniziativa di rilasciare un patentino a quelli che prima d’ora venivano definiti imbianchini, ma che grazie a questo diploma, vengono riconosciuti e ufficializzati, nella figura professionale del pittore edile.

Nel 2018 avviene così la svolta per tutti quelli che fino a ora hanno avuto necessità di dare una rinfrescata alle pareti di casa o eseguire lavori di tinteggiatura in generale, ma anche per altri tipi di lavoro: per loro adesso interviene il pittore edile.

Di cosa si occupa il pittore edile?

Se hai la necessità di decorare, applicare un isolamento termico a cappotto o un sistema anti corrosivo, installare un sistema di protezione dalle fiamme, rivestire il pavimento con uno strato protettivo in resina, restaurare opere o costruzioni in calcestruzzo armato, allora hai bisogno di un pittore edile.

Questa figura professionale viene delineata attraverso la norma UNI alla quale riconosce delle competenze specifiche acquisite in diverse attività lavorative, in conformità alla ISO/IEC17024. Questo scenario apre una strada piena di nuove opportunità di crescita a tantissimi specialisti, garantendo al cliente la certezza di un lavoro di qualità. Il riconoscimento di questa nuova figura professionale mette in chiaro quali sono le competenze da essa svolte, tutelando il lavoro di specialisti che fino a ora erano assimilati all’interno di altre mansioni che non sempre erano all’altezza delle richieste e delle esigenze dei clienti.

Milano: la città degli ‘artisti’ dell’edilizia

Milano è una città che, da quando è stata riconosciuta la qualifica specializzata del pittore edile, ha visto nascere molte attività di professionisti che offrono servizi specifici in ambito di ristrutturazione, imbiancatura, decorazione d’interni e finiture, posa di pavimentazioni con coperture resinose, lavori in cartongesso e calcestruzzo armato, materiali che oggi permettono di creare delle vere e proprie opere d’arte in casa, come delle nicchie per ospitare angoli di design o per mettere in risalto un’area in particolare di una stanza.

Grazie anche alla recente nascita di diversi servizi online che permettono la ricerca di personale specializzato in un determinato lavoro, trovare un pittore edile a Milano è semplice, visto che vi è una grande offerta nel settore, che nell’ultimo anno è aumentata.

Commenti

comments