Come ben sappiamo la cameretta è quella stanza in cui bambini e ragazzi trascorrono la maggior parte del loro tempo, giocando e rilassandosi in compagnia oppure da soli. Come ogni stanza della propria casa anche la cameretta richiede la giusta manutenzione per far fronte all’insorgenza di umidità, muffe oppure viene rivisitata per rinnovare solo lo stile. Qualora volessi dare un tocco di rinfrescata o dipingere le pareti della cameretta dei tuoi figli, potrai scegliere tra l’uso di vernici atossiche di qualità oppure di carta da parati. Se siete pronti ecco qualche utile consiglio prima di commettere errori banali.

 

Idee creative per dipingere le pareti della cameretta

 

Malgrado le pareti bianche regalino luminosità alla stanza e siano facili da ridipingere ogni qual volta si sporcano, ci sono tante idee creative per dipingere la cameretta dei tuoi bambini con tanti colori. Una vernice colorata, difatti, con le giuste tonalità e utilizzata in punti precisi, può donare vivacità e rinnovare del tutto l’aspetto della cameretta.

 

Come pitturare la cameretta dei bambini

 

Per iniziare la cameretta dei tuoi bambini, bisogna prima preparare la parete. Prima di fare ciò, fornisciti di alcuni fogli di giornale oppure di teli in plastica in maniera tale da salvaguardare pavimenti e mobili. Importante proteggere anche gli infissi delle porte e finestre, gli zoccoletti e gli interruttori utilizzando del nastro adesivo di carta. Altro importante punto: indossa un cappellino, guanti, una mascherina e degli indumenti vecchi. Avanza con l’uso di carta vetrata e con lo stucco per coprire degli eventuali buchi da chiodi. Successivamente, con un pennello spolvera le pareti della cameretta e dai più passate d’isolante. Per coprire la tintura vecchia occorre dare più mani di cementite, coprendo del tutto il colore di fondo e le relative imperfezioni.

Pareti paricolare

Di seguito altri passaggi importanti per pitturare la cameretta dei bambini: Una volta eseguiti i primi passaggi, devi dipingere le pareti con il colore che hai scelto. L’importante è che siano vernici atossiche e di qualità, dunque non badare a spese. Dopodiché procedi col pitturare la cameretta utilizzando dei rulli con manico estendibile (in maniera tale da dipingere facilmente anche il soffitto), del tutto comodi e semplici da usare. Dopo aver dato la prima mano, lascia asciugare e procedi con la seconda. Una volta terminato fai arieggiare la cameretta prima che i tuoi bambini ci entrino. Se vorrai rendere le pareti particolari, puoi utilizzare anche stencil, adesivi adeguati alla loro età, pitturando righe colorate, disegni geometrici o disegni fatti a mano. Qualora non volessi colorare troppe pareti puoi dipingere, ad esempio, solo il soffitto di blu per creare una sorta di cielo stellato. Per dare una maggior atmosfera specialmente di notte, puoi utilizzare degli stickers fluorescenti a forma di stelle, che tra l’altro sono anche una soluzione economica e pratica.

 

Bambini e adolescenti, ecco i colori più gettonati

 

Se i tuoi figli sono ancora bambini, potrete scegliere tonalità color pastello come l’azzurro, il rosa oppure il giallo. Questi colori regaleranno un’atmosfera serena e confortevole. Se invece si tratta di adolescenti, vanno bene colori più vivaci come il rosso, il blu oppure l’arancione. Dunque, non occorre pitturare le pareti solamente con una tinta unica, ma divertiti con colori e forme particolari per rendere più allegra e abitabile la camera donando effetti particolari.

 

Errori da non commettere

 

Per evitare di andare incontro a banali errori, ecco dei consigli utili:

 

– Evita di utilizzare toni troppo scuri, tristi oppure fin troppo vivaci. Ricorda, infatti, che i colori possono influire sulla mente e sull’emotività dei tuoi bambini, special modo se si tratta di un ambiente al chiuso;

 

– Non escludere i tuoi bambini come pitturare la cameretta, anzi, coinvolgili e rendili partecipi perché, malgrado la loro tenera età, sono comunque coloro che dovranno vivere in uno spazio intimo dove custodiscono i momenti più preziosi dell’infanzia e dell’adolescenza.

Commenti

comments