Antonio Liso – Imbianchino Milano, Stucco Veneziano https://www.antonioliso.com Decoratore d'interni Sun, 23 Sep 2018 06:00:46 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.8 https://www.antonioliso.com/wp-content/uploads/2017/06/cropped-logo-2-32x32.jpg Antonio Liso – Imbianchino Milano, Stucco Veneziano https://www.antonioliso.com 32 32 Decoratore Milano https://www.antonioliso.com/decoratore-milano/ https://www.antonioliso.com/decoratore-milano/#respond Sun, 23 Sep 2018 06:00:46 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3463 Le decorazioni le puoi posizionare in ogni zona della tua casa (pareti, soffitti e armadi) e possono essere di qualsiasi tipo, l’importante è rimanere in tema con l’arredamento della stanza. In genere i decoratori realizzano queste opere utilizzando pitture lavabili o smalti, in base alla tipologia della superficie che viene trattata.

Alla fine del lavoro devi trovarti in una stanza, che ti dona l’emozione che avresti voluto provare da sempre. A seconda dello stile presente nella casa o desiderato, il decoratore a Milano saprà suggerirti il materiale e la forma adatta alle tue esigenze. Infatti scegli accuratamente e con calma il decoratore d’interni, soprattutto sfoglia il suo portfolio per assicurarti di scegliere bene. Fondamentalmente il discorso è soltanto uno, il lavoro che più piace è quello che permette di coltivare le proprie passioni. Se, già da bambino, hai sempre avuto un talento particolare per l’arte il lavoro di decoratore/decoratrice fa per te.

Infatti per svolgere questa mansione devi essere portato al disegno, ma soprattutto deve impegnarsi nello studiare la parte tecnica del lavoro, oltre a quella manuale. La fantasia e la creatività al giorno d’oggi possono aiutarti, se sfruttate al meglio, a trovare un lavoro che ti piace e molto redditizio. Anzi essendo stato un lavoro molto tecnico e tramandato perlopiù da padre a figlio. Questi artigiani hanno rischiato di estinguersi, ciò li ha portati ad essere molto ricercati perché erano introvabili. Dunque la tua passione artistica può provocarti un vero e proprio lavoro, vediamo insieme quali sono i passi da fare per riuscire in questo intento.

Come diventare decoratore

Per prima cosa dobbiamo vedere cosa fa il decoratore. Esso è un artigiano che, in questo caso, ha le potenzialità per trasformare un arredo della casa attraverso rivestimenti, pitture e decorazioni in un vero e proprio pezzo unico, e spesso collabora con delle imprese edili per raggiungere ottimi risultati. In questo ambito esistono una moltitudine di specializzazioni, che possono convivere l’una con l’altra.

Se vuoi diventare un artigiano decoratore devi preoccuparti inizialmente di trovare la bottega artigianale, che sarà disposta a partecipare alla tua formazione. Come inizio facendo l’apprendista presso un maestro artigiano puoi imparare tecniche e segreti del mestiere, che solo una persona con una lunga esperienza può darti. Ad oggi sono molte le tecniche per decorare le pareti di una casa, come: l’applicazione di finto legno, marmo, la creazione di stencil personalizzati, la spugnatura, la stuccatura antica o in metodo veneziano, la ceratura, il decoupage e tante altre.

Se non trovi l’aiuto di una bottega artigianale per raggiungere il tuo scopo, puoi fare affidamento su una scuola, solitamente a pagamento e con costi nettamente elevati. In questa scuola sarai seguito passo passo e potrai seguire lezioni di base e fondamentali, riguardanti oltre le tecniche anche la storia dell’arte. Molto spesso i professori che insegnano in queste scuole sono anche liberi professionisti o veri e propri imprenditori che hanno al loro servizio numerosi decoratori.

Questi artigiani specializzati partecipano anche nella costruzione e nell’allestimento estetico di negozi e uffici. Per riuscire ad avere successo in questa antica professione devi avere una gran voglia di impegnarti, ma soprattutto devi essere determinato nel volerlo. Una volta che finisci la tua formazione e metti piede nel mondo del lavoro in questa professione, puoi permetterti di presentare come biglietto da visita i lavori tramite il tuo book.

Il decoratore e i viaggi di lavoro

Un esperto decoratore deve essere disposto a viaggiare per lavoro, in quanto le offerte di lavoro possono arrivare da fuori Italia oppure da altre regioni. È indispensabile dunque conoscere a fondo una o più lingue straniere, in modo tale da spiegare a fondo la propria professione.

]]>
https://www.antonioliso.com/decoratore-milano/feed/ 0
Tinteggiature interni https://www.antonioliso.com/tinteggiature-interni/ https://www.antonioliso.com/tinteggiature-interni/#respond Fri, 21 Sep 2018 06:00:19 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3458 Per tinteggiare gli interni di una casa bisogna innanzitutto calcolare quanto materiale occorre, Questo lo puoi fare prendendo le misure di ogni area in cui andrai ad operare (soffitto incluso). Successivamente basterà controllare di avere a disposizione tutti gli attrezzi necessari, in modo da poter cominciare con il lavoro e non avere intoppi o imprevisti mentre stai operando.

Prima di cominciare a tinteggiare le aree designate dovrai assicurarti di carteggiarle con carta vetro sottile e stuccare le imperfezioni che si presenteranno. Lascia sempre asciugare lo stucco e verificane sempre il suo stato prima di operare. Per accertarti che sia pronto alla tinteggiatura puoi provare a tastare con un dito e sentire se ancora bagnato. Un altro trucco è osservarlo controluce. Se l’effetto non è lucido, allora è asciutto.

 

tinteggiatura
il passo seguente sarà quello di coprire gli interruttori e tutti gli oggetti che possono rovinarsi, arredi inclusi. Ricordati di posare un nilon o dei giornali a terra per evitare di macchiare il pavimento.
La prima parte che dovrai andare a tinteggiare sarà il soffitto, ricordati che se sei un principiante il metodo migliore è quello di usare un rullo. Infatti questo strumento è molto più semplice della pennellessa, consuma molta meno tinta ed è più semplice evitare imperfezioni.

Subito dopo ti occuperai delle pareti, utilizzando la pennellessa nelle aree grandi e pennelli più sottili nei punti dove effettuerai ritocchi o dove ti sarà richiesta precisione.
Una volta terminato il lavoro lascia asciugare per almeno 12 ore ricordandoti di non toccare assolutamente nessuna parte delle aree lavorate. Apri sempre le finestre e tieni areata la zona.

Passato il tempo indicato procederai a dare la seconda mano ricominciando sempre dal soffitto e successivamente le pareti. (Se sei un principiante ti consiglio di dare la prima mano al soffitto, attendere qualche ora e appena asciutto, procedere subito alla seconda mano. Questo per evitare colature o schizzi alle pareti a cui hai già dato una prima mano di tinta). Qualora volessi colorare delle aree, in questa mano di tintura dovrai aggiungere il colore desiderato.
(Sul colore ci sono due idee di pensiero: chi da una mano bianca e due di colore e chi invece parte già con il colore ed effettua solo due passaggi. Decidi tu cosa preferisci).

Se il tuo intento sarà quello di creare degli stencil o dei disegni dovrai aspettare che il colore sia asciutto e poi procedere.
Se userai delle spugne o attrezzi simili dovrai seguire le istruzioni di utilizzo, Se invece ti cimenterai con gli stencil dovrai posizionarli nell’area indicata e successivamente riempirlo col colore stando attento però, a non uscire dai bordi dello stencil per evitare di macchiare il muro. Una volta asciutto il colore, rimuovere con perizia lo stencil.

Tipi di tinture

Le tinture disponibili al giorno d’oggi sono veramente tante e troverai il classico “bianco” fino ad arrivare ai vari effetti marmorizzati, vento di sabbia o altri tipi di tinte che mescolate con componenti chimici, ti permetteranno di ottenere effetti grafici senza usare spatole o attrezzi.

Potrai trovare inoltre anche le pitture lavabili che sono create apposta per poter essere lavate completamente senza comportare sbavature o problematiche alle mura.

Materiale occorrente:

  • Nastro di carta (quello da carrozziere giallo) per mascherare le parti delicate come ad esempio interruttori o per bloccare nilon e giornali;
  • Rotella metrica o metro rigido per misurare le aree di lavoro e calcolare il quantitativo di materiale necessario;
  • Pennelli, pennellesse, rullo, bastone telescopico (allungabile e retraibile);
  • raccogli goccia/salva tinta. (Rete per scorrere e strizzare il rullo. Serve a non gocciolare e a strizzare il rullo;
  • nilon, fogli di giornale, taglierino e/o forbici;
  • tinta, colori, stencil e attrezzi per effetti grafici;
]]>
https://www.antonioliso.com/tinteggiature-interni/feed/ 0
Imbianchino Vittuone https://www.antonioliso.com/imbianchino-vittuone/ https://www.antonioliso.com/imbianchino-vittuone/#respond Wed, 19 Sep 2018 06:00:57 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3455 L’imbianchino a Vittuone può essere il tuo miglior alleato ma, come per ogni altro tipo di artigiano, la tua ricerca deve essere svolta in modo attento e preciso affinché tu abbia l’opportunità di sfruttare le prestazioni convincenti e piacevoli da vedere offerte da un vero e proprio esperto.

Ecco come devi procedere per portare a termine, in modo ottimale, la tua ricerca senza che tu possa compiere degli errori che potrebbero essere tutt’altro che ottimali da svolgere.

Come deve essere il tuo imbianchino a Vittuone

Se sei alla ricerca di un ottimo imbianchino a Vittuone devi prendere in considerazione diversi aspetti.
Valuta, in primo luogo, la sua professionalità, analizzando le impressioni che lo stesso imbianchino ha lasciato nella mente dei suoi precedenti clienti, in modo tale che tu possa avere una panoramica generale sul modo di operare che contraddistingue questo particolare artigiano.

Devi anche considerare il risultato finale conseguito dallo stesso e inoltre potrai anche avere l’opportunità di andare alla ricerca dei diversi servizi che lo stesso imbianchino ti propone.
Dovrai quindi svolgere quel particolare tipo di ricerca che sarà in grado di evitarti perdite di tempo di ogni genere e allo stesso tempo avrai la concreta opportunità di avere un valido alleato che svolge un lavoro perfetto.

Considera anche i prezzi che ti vengono proposti dallo stesso e rapportali al responso dei clienti, in modo tale che tu possa effettivamente avere l’opportuntà di evitare che ci possano essere delle complicazioni di ogni tipologia.
Se quindi sei alla ricerca di un vero imbianchino a Vittuone potrai avere la sicurezza di trovare quello perfetto che risponde alle tue esigenze senza andare incontro a complicazioni di ogni genere, grazie al quale potrai avere l’opportunità di rimanere abbastanza soddisfatto del modo di operare di caratterizzare questo particolare lavoratore a Vittuone.

Un imbianchino e i suoi preventivi

Se fino a ora hai svolto delle ricerche che non sono perfette sotto ogni punto di vista, per te è arrivato l’imbianchino Antonio Liso.
Si tratta di un artigiano che riesce a offrirti delle prestazioni lavorative che sono prive di ogni genere di difetto e che ti consentiranno effettivamente di rimanere ampiamente soddisfatto del risultato finale che andrai a conseguire.
Questo in quanto parliamo di un artigiano che svolge il suo lavoro in modo altamente professionale e che riesce a rispondere, in modo ottimale, a tutte le tue domande senza che possano esserci limiti particolari o situazioni che potrebbero essere tutt’altro che piacevoli da affrontare.

Con Antonio Liso potrai avere la sicurezza del fatto che, ogni singolo tipo di operazione, verrà svolto in modo ottimale senza che possano esserci complicazioni di ogni genere.
Pertanto avrai la sicurezza del fatto che ogni tipo di lavoro potrà essere svolto in maniera perfetta e soprattutto in linea con tutte le tue domande, senza esclusioni poco piacevoli da dover toccare con mano.

Prendi inoltre in considerazione il fatto che, questo professionista, ti permetterà di ricevere dei preventivi per i lavori che dovranno essere svolti a Vittuone.
Avrai quindi una panoramica generale che ti permette di evitare di andare incontro a delle situazioni che potrebbero essere tutt’altro che piacevoli e allo stesso tempo avrai la certezza del fatto che, ogni operazione, potrà essere svolta in modo ottimale senza alcuna imprecisione.

Gli ottimi preventivi saranno un valido alleato per te che sei alla ricerca di un artigiano che svolga un lavoro ben preciso che potrà essere definito da parte tua come piacevole e in linea con tutte le tue domande, senza alcuna imprecisione poco piacevoli da dover fronteggiare.

Antonio Liso è dunque un artigiano che riesce a prevenire situazioni poco piacevoli durante il lavoro, consentendoti invece di ottenere un risultato finale di prima qualità.

]]>
https://www.antonioliso.com/imbianchino-vittuone/feed/ 0
Pittura stucco veneziano https://www.antonioliso.com/pittura-stucco-veneziano/ https://www.antonioliso.com/pittura-stucco-veneziano/#respond Mon, 17 Sep 2018 06:00:08 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3453 Lo stucco veneziano è la soluzione ideale per tinteggiare le pareti della tua abitazione ed ottenere dei muri lisci e lucidi. L’effetto che otterrai applicando lo stucco veneziano ha qualcosa di prezioso e regale che impreziosisce ogni ambiente in cui esso compare.

Le sue origini sono davvero antiche e rintracciabili in medio oriente; ma l’impiego massiccio ne venne fatto a Venezia, durante il periodo repubblicano, da cui probabilmente derivò anche il nome. Era utilizzato come strumento di abbellimento delle ville e come unico intonaco resistente all’acqua che, a causa delle speciali caratteristiche della città di Venezia, era un vero e proprio problema. Idrorepellenza che si traduce anche in una particolare resistenza alle muffe e all’umidità.

stucco veneziano lucido

La caratteristica per cui questa tipologia di decorazione parietale viene scelta solitamente è la lucidità e assoluta liscezza delle paretti dopo la sua applicazione.
Inoltre esso è particolarmente traspirabile e resistente alla muffa; esso è un prodotto a base di calce, polveri di marmo e minerali di diverse dimensioni, la cui presenza probabilmente conferisce quell’aspetto cangiante e particolare alla superficie dipinta che acquista ulteriore lucidità grazie all’applicazione della cera, la cui presenza è insostituibile.

Esistono in commercio dei kit appositi che ti permettono di colorare lo stucco veneziano; per ragioni di composizione chimica è preferibile che la tua scelta ricada su pigmenti a base di ossidi. Essi possono essere aggiunti in fase di preparazione allo stucco e mescolati accuratamente.

Se vuoi applicare lo stucco veneziano ma non sei esperto, dovrei seguire alcuni accorgimenti e dotarti di alcuni strumenti necessari. Sicuramente vi servirà una frusta per girare lo stucco, delle spatole, la cera ed una spugna per la sua applicazione, un pennello per la definizione dei profili, degli stracci di lana per la lucidatura della cera se non disponete di un tampone elettrico per la stessa operazione.

Puoi acquistar elo stucco veneziano e applicarlo fai da te in due modi differenti. Puoi procedere stendendo lo stucco in tre successive mani ed è probabilmente la modalità di esecuzione più complessa. Oppure upuoi utilizzare il pennello apposito con una sola passata, sebbene l’ultima rifinitura debbe essere realizzata a spatola per conferire uniformità all’intera superficie.

stucco veneziano classico , imbiancare casa idee

La cera che viene applicata sulle pareti come finitura ha un ruolo fondamentale non solo a livello estetico poiché contribuisce a quell’effetto molto ricercato di lucentezza e planarità. Essa è fondamentale anche per rendere lo stucco veneziano idrorepellente e, quindi, lavabile. In commercio ne esistono diverse tipologie, puoi acquistare quella ad acqua, contenente un’emulsione di cera d’api e Marsiglia. L’applicazione della cera non è difficile: trascorse 48 ore dall’asciugatura dell’ultima mano di stucco veneziano, puoi applicarla utilizzando semplicemente una spugna a maglia fine. Dopo 30 minuti circa, puoi passare uno straccio di lana o un tampone: sfregando la superficie diventerà liscia e lucida.

La cera ha anche un ruolo protettivo e permette di rinfrescare e pulire le pareti senza preoccupazioni. Se decidi di completare la stuccatura con la cera, per pulire la parete puoi utilizzare una spugna imbevuta leggermente di acqua e sapone neutro; al contrario è assolutamente da evitare l’impiego di acqua se non hai dato la cera.
Oltre che alle pareti è possibile applicare lo stucco veneziano anche a singoli elementi architettonici, come colonne, cornici o architravi interni per donare un effetto cromatico originale e ricercato.
Per circa 30 metri quadrati avrai bisogno di 20 chili di stucco veneziano che in tali misure si aggira intorno ai 100 euro.

]]>
https://www.antonioliso.com/pittura-stucco-veneziano/feed/ 0
Controparete in cartongesso https://www.antonioliso.com/controparete-in-cartongesso/ https://www.antonioliso.com/controparete-in-cartongesso/#respond Fri, 14 Sep 2018 06:00:44 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3451 La controparete in cartongesso è estremamente utile per migliorare le condizioni di isolamento termico di soffitti o muri; vendibile sotto-forma di pannelli leggeri e removibili, si presta molto bene ad essere impiegata anche come parete divisore in caso di necessità particolari.

Nel campo della ristrutturazione e dell’edilizia, per un lavoro professionale e realizzato a regola d’arte è sempre bene chiamare un esperto del settore; tuttavia, se si vuole mettersi alla prova, con gli strumenti giusti, impegno e attenzione si può ottenere ugualmente un ottimo risultato. Vediamo nel dettaglio cosa serve per realizzare una controparete in cartongesso e come muoversi per la sua messa in opera.

I pannelli in cartongesso una volta acquistati, devono essere montati su un’intelaiatura metallica che poi verrà rifinita per mezzo di stuccatura e intonaco per imbiancare e rendere l’intera superficie uniforme: la differenza con una qualsiasi altra parete in muratura a questo punto sarà impossibile.

mensole in cartongesso

Individuata la parete o il luogo idoneo all’installazione bisogna procedere con il realizzare la struttura di sostegno per la controparete in cartongesso. Essa non deve poggiare direttamente sul muro ma essere posizionata a circa 1 cm di distanza da esso.

Per posizionare l’intelaiatura in verticale in modo perfetto ed evitare, di conseguenza, che l’intera controparete in cartongesso risulti storta, è possibile utilizzare il metodo del filo a piombo, una livella o, in alternativa segnare lungo tutto il perimetro che ci interessa, la distanza precisa dove la struttura metallica dovrà essere collocata.

L’intelaiatura in metallo deve toccare in alto e in basso, il soffitto e il pavimento; essa funge da enorme cornice ed ha una struttura detta ad “U”. Viene fissata sulla base con un nastro adesivo molto resistente mentre gli elementi dei profili laterali saranno fissati in modo meccanico con delle viti.

All’interno della struttura devono essere collocati ulteriori tasselli di sostegno, che andranno a sorreggere in panelli per formare la controparete in cartongesso. Se si ha intenzione di inserire nella parete anche del materiale isolante, questi tasselli vanno collocato ad una distanza tale da avere lo spazio necessario.

decori in gesso, cartongesso Milano e provincia

Lungo la guida ad U della struttura metallica vengono posizionati i pannelli isolanti, sopra i quali saranno fissati i pannelli in cartongesso. Essi vengono fissati per mezzo di viti alla struttura metallica montata.

In base alle esigenza e a dove la parete in costruzione è posizionata, si può pensare di creare un doppio strato di pannelli in cartongesso che risulteranno altamente resistenti nel loro duplice collocamento. Se sono presenti o si necessita di avere sulla parete in cartongesso degli interruttori che compaiono sul muro potante, è possibile segnare in modo preciso la loro posizione e praticare sul pannello in cartongesso un foro, posizionandovi poi la scatola elettrica.

Dopo aver montato i pannelli, si procede con le stuccature delle giunture, avendo l’accortezza di abbondare nella superficie stuccata lungo quei profili. Una volta asciugato è possibile tinteggiare in base ai propri gusti.

Questa tecnica per costruire pareti è detta “a secco” ed è molto utile anche laddove ci sono problemi di spazio ma vi è la necessita di creare una divisione muraria. Le contropareti possono, infatti, avere uno spessore minimo e l’intera struttura arrivare a misurare solo 15 cm.

imbiancature a Milano

Un altro importante vantaggio di queste contropareti è il fatto che possono essere un valido strumento non solo per l’isolamento termico ma anche per quello acustico della parete. A tale scopo si utilizza, ad esempio, la lana di roccia, o altri materiali specifici che siano fibrosi, in modo tale da riuscire ad attenuare le vibrazioni dei suoni.

IL costo dell’intera struttura può variare; i pannelli in cartongesso, se acquistati all’ingrosso, oscillano sui 20/25 euro al metro quadrato mentre il prezzo è doppio se li acquistate al dettaglio. Stesso discorso per l’intelaiatura metallica per il loro sostegno. Ovviamente i costi aumentano se deve esser calcolata anche la manodopera di un professionista per la messa in opera ed, eventualmente, i materiali isolanti da inserire tra i pannelli se l’obiettivo che si vuole raggiungere è una controparete in cartongesso termicamente e acusticamente isolata.

]]>
https://www.antonioliso.com/controparete-in-cartongesso/feed/ 0
Come pitturare una parete https://www.antonioliso.com/come-pitturare-una-parete/ https://www.antonioliso.com/come-pitturare-una-parete/#respond Wed, 12 Sep 2018 06:00:52 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3449 Quando occorre fare dei lavori in casa oppure in un altro edificio possono sorgere diverse difficoltà. Potresti infatti incontrare alcune problematiche inerenti allo svolgimento di determinate mansioni che risultano essere ostiche o non pratiche per tutti.

Ad esempio, esiste un’operazione dove potresti trovare estreme difficoltà nel compierla. Tale operazione risponde al nome di come pitturare una parete. Eseguire con successo l’operazione di pittura di una parete può essere complicato ed in alcuni casi potrà sembrarti realmente impossibile.

Scopri invece come pitturare efficacemente una parete seguendo pratici e semplici consigli! Di seguito potrai trovare una guida completa che ti illustrerà i passaggi da compiere per pitturare in modo corretto una parete.

Pitturare una parete: quale materiale procurarsi?

Prima di comprendere cosa fare per pitturare una parete in modo corretto occorre comprendere bene quali sono i materiali di cui si necessita. In primo luogo, potrà sembrarti scontato, ma il materiale principale e fondamentale che dovrai procurarti risulterà essere la pittura.

Scegli con cura ed attenzione quale tipologia di pittura utilizzare per decorare la tua stanza. Il consiglio è quello di affidarti sempre a pitture realizzate e messe in commercio da marchi di calibro internazionale. In questo modo potrai essere sicuro di fare affidamento soltanto su materiali top di gamma. In secondo luogo poi, se possibile cerca di abbinare l’efficacia del prodotto con il suo valore estetico. Ricorda che una volta finita, la pittura della parete dovrà piacerti e magari svolgendo un lavoro con una pittura che ti piace esteticamente ti risulterà più semplice terminare il tuo compito.

Oltre alla pittura, ricorda di scegliere anche un pennello adatto alla pittura. Esistono anche altri materiali ed utensili che ti permettono di pittare correttamente una parete, come ad esempio i rulli, ma se non possiedi particolare esperienza con tali strumenti il loro utilizzo è sconsigliato. Potresti addirittura danneggiare la parete e non completare con successo la pittura della superficie della propria casa. Dunque, quando devi scegliere un pennello adatto per pittare casa, ricorda sempre di prenderne uno maneggevole e pratico. In questo modo pittare non sarà faticoso, anzi potrà sembrarti anche un’attività rilassante. Con i giusti materiali, pittare una parete non ti sembrerà più un’impresa impossibile!

Come pittare una parete? Tre passaggi da seguire

Pitturare una parete è un’operazione che può essere svolta seguendo pochi e semplici passaggi. In primo luogo, dovrai intingere il tuo pennello nella pittura. Puoi versare un po’ di pittura in una bottiglia di plastica tagliata a metà oppure in un piccolo secchio da mettere poi vicino alla parete da pittare.

Dopodiché con il pennello bagnato bisognerà passare quest’ultimo sulla parete attraverso movimenti orizzontali cercando di coprire in modo preciso e concreto la superficie della propria parete. Ricorda di non esagerare con la velocità e di non essere approssimativo quando pitturi una parete. Anzi devi essere delicato e prestare attenzione ai minimi dettagli! Non c’è niente di peggio di una parete pitturata in modo errato e chiunque visiterà la stanza non potrà farne a meno di notarlo.

Certo ci vogliono due grandi qualità per pitturare una parete in modo ottimale, vale a dire pazienza e passione. Bisogna spendere molto tempo ed avere anche grande forza di volontà. Alla fine però, i tuoi sforzi verranno ricompensati!

Tuttavia, non tutti hanno tanto tempo a disposizione per pitturare la parete della propria casa. Forse anche tu sei fra questi, ma in tal caso non devi affatto preoccuparti! Non devi far altro che affidarti ad un pittore oppure ad un team di pittori esperto e qualificato.

Ricorda che la scelta del pittore è fondamentale. Una parete pittata in modo eccezionale e professionale può cambiare l’aspetto di una comune abitazione. Un buon pittore si riconosce non solo dalla sua mano, ma anche dai materiali che adopera nei propri lavori. Scegliendo un professionista del settore, il tuo successo nel pittare sarà assicurato sicuramente!

]]>
https://www.antonioliso.com/come-pitturare-una-parete/feed/ 0
Pittore edile Milano https://www.antonioliso.com/pittore-edile-milano/ https://www.antonioliso.com/pittore-edile-milano/#comments Mon, 10 Sep 2018 06:00:25 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3447 Fino a poco tempo fa la mansione d’imbianchino era inserita all’interno di una figura polifunzionale, infatti, il compito d’imbiancare le pareti era considerato un lavoro non necessariamente specializzato, che rientrava tra le mansioni dell’operaio edile, che si occupava non solo di ristrutturazioni o lavori di muratura, ma anche di tinteggiare le pareti.

Nell’ultimo anno però c’è stata la necessità di rendere questo lavoro qualcosa di più specialistico, non un qualcosa che potesse venir svolto da chiunque, ma un compito assolvibile da un professionista specializzato in questo settore. Così la Anvides, l’associazione che raggruppa le imprese che si occupano di imbiancare, restaurare, verniciare, decorare pareti e finiture, ha lanciato l’iniziativa di rilasciare un patentino a quelli che prima d’ora venivano definiti imbianchini, ma che grazie a questo diploma, vengono riconosciuti e ufficializzati, nella figura professionale del pittore edile.

Nel 2018 avviene così la svolta per tutti quelli che fino a ora hanno avuto necessità di dare una rinfrescata alle pareti di casa o eseguire lavori di tinteggiatura in generale, ma anche per altri tipi di lavoro: per loro adesso interviene il pittore edile.

Di cosa si occupa il pittore edile?

Se hai la necessità di decorare, applicare un isolamento termico a cappotto o un sistema anti corrosivo, installare un sistema di protezione dalle fiamme, rivestire il pavimento con uno strato protettivo in resina, restaurare opere o costruzioni in calcestruzzo armato, allora hai bisogno di un pittore edile.

Questa figura professionale viene delineata attraverso la norma UNI alla quale riconosce delle competenze specifiche acquisite in diverse attività lavorative, in conformità alla ISO/IEC17024. Questo scenario apre una strada piena di nuove opportunità di crescita a tantissimi specialisti, garantendo al cliente la certezza di un lavoro di qualità. Il riconoscimento di questa nuova figura professionale mette in chiaro quali sono le competenze da essa svolte, tutelando il lavoro di specialisti che fino a ora erano assimilati all’interno di altre mansioni che non sempre erano all’altezza delle richieste e delle esigenze dei clienti.

Milano: la città degli ‘artisti’ dell’edilizia

Milano è una città che, da quando è stata riconosciuta la qualifica specializzata del pittore edile, ha visto nascere molte attività di professionisti che offrono servizi specifici in ambito di ristrutturazione, imbiancatura, decorazione d’interni e finiture, posa di pavimentazioni con coperture resinose, lavori in cartongesso e calcestruzzo armato, materiali che oggi permettono di creare delle vere e proprie opere d’arte in casa, come delle nicchie per ospitare angoli di design o per mettere in risalto un’area in particolare di una stanza.

Grazie anche alla recente nascita di diversi servizi online che permettono la ricerca di personale specializzato in un determinato lavoro, trovare un pittore edile a Milano è semplice, visto che vi è una grande offerta nel settore, che nell’ultimo anno è aumentata.

]]>
https://www.antonioliso.com/pittore-edile-milano/feed/ 1
Cartongessista decoratore https://www.antonioliso.com/cartongessista-decoratore/ https://www.antonioliso.com/cartongessista-decoratore/#respond Fri, 07 Sep 2018 06:00:58 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3445 Un cartongessista decoratore viene considerato un artista grazie alle creazioni che produce con le sue mani, infatti lavorare il cartongesso ti potrà sembrare semplice ma non è assolutamente così. Se lo vedi mentre esercita il suo mestiere, essendo un esperto del settore, la maneggevolezza che possiede nel modellare questo materiale non ha eguali.

Il cartongesso è un materiale versatile che puoi lavorare in tempi brevi, grazie alla sua malleabilità lo riesci a trasformare e ad utilizzare per creare opere, decorare o arredare una casa. Con il cartongesso puoi creare pareti per dividere le stanze e crearne di nuove, oppure realizzare dei controsoffitti e inserirci luci da incasso, in modo tale da donare un design unico e una particolare bellezza alle tue camere.

Tramite il cartongesso puoi creare qualsiasi completamento d’arredo, l’unico limite è la tua fantasia. Puoi realizzare una cabina armadio o ad esempio puoi inserire diversi ribassamenti da un controsoffitto e creare una specie di scalea, e potresti completare il lavoro dipingendola con una vernice particolare e magari inserire luci a led regolabili, cosicché potrai controllare l’intensità della luce da loro sprigionata.

Cabine armadio in cartongesso: l’interno

mensole in cartongesso

Utilizzando il cartongesso puoi creare, tra l’altro, grandi cabine armadio con porte a scomparsa, che finiscono all’interno della parete in cartongesso.

Queste cabine ormai non sono più utilizzate per mettere a posto i vestiti, ma puoi sfruttarle come meglio credi, in base alle tue esigenze. Per completare la cabina armadio puoi inserire ancora altre mensole, sempre in cartongesso, oppure di legno, incassandole oppure tenendole esterne.

Cabine armadio in cartongesso: l’esterno

Per quanto riguarda la parte esterna della cabina armadio, un cartongessista decoratore può realizzare nicchie in cartongesso e valorizzarle con l’inserimento di faretti o luci a led. Può anche fare in modo di far accendere la luce automaticamente quando apri l’anta dell’armadio o la porta scorrevole. Con questa opzione avrai una cabina armadio veramente unica e l’effetto creato sarà mozzafiato.

Con questi esempi puoi farti un’idea dell’innumerevole quantità di realizzazioni che puoi fare in cartongesso e che puoi richiedere al cartongessista decoratore.

Infatti i lavori che può svolgere questo lavoratore ricoprono molti campi dell’edilizia. Questo materiale è bello, economico e molto versatile, infatti con esso puoi creare praticamente tutto, e nel caso in cui vuoi realizzare una parete, puoi tranquillamente appendere su di essa tutto quello che vuoi senza alcun rischio come: quadri, mensole, arredi e addirittura una televisione a schermo piatto!

]]>
https://www.antonioliso.com/cartongessista-decoratore/feed/ 0
Pitturare casa dei sogni https://www.antonioliso.com/pitturare-casa-dei-sogni/ https://www.antonioliso.com/pitturare-casa-dei-sogni/#respond Wed, 05 Sep 2018 06:00:47 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3443 Molti desiderano imparare a pitturare le superfici della propria casa. Questa operazione potrebbe sembrarti inutile, eppure è fondamentale se vuoi sentire la tua abitazione un luogo sicuro messo a punto da te. In effetti, alcuni vogliono imparare a pitturare le pareti della propria casa dei sogni.

Vogliono rendere quest’ultima un luogo magico e quasi incantato. Inoltre, vogliono che chiunque visiti la propria abitazione ne rimanga affascinato e riesca ad apprezzare il lavoro svolto sulle pareti o sulle superfici della casa.

Anche tu possiedi questo desiderio e comprendi l’importanza di pitturare la casa dei sogni in modo stupefacente ed indimenticabile? Bene, allora non devi temere! Anche se pitturare la casa dei sogni può essere considerata come un’operazione difficile da svolgere, seguendo i consigli che troverai di seguito potrai riuscirla a svolgere nel migliore dei modi. Infine, potrai anche comprendere a chi affidare un lavoro così delicato se nonostante i consigli non vorresti impegnarti a fondo nel pitturare la casa dei sogni!

Pitturare casa dei sogni: come farlo nel modo corretto?


Forse non lo saprai perché l’argomento non ti avrà mai interessato davvero, ma quella di pitturare le pareti o le superfici della casa dei sogni è un’operazione complicata che non tutti riescono a svolgere. In primo luogo, per effettuare una pittura della casa in modo eccellente e senza sbavature occorrono diverse qualità.

Ad esempio, devi prendere in considerazione il fatto che un lavoro di questa portata per essere completato ti porterà via una bella fetta del tuo tempo; per questa ragione devi sviluppare pazienza al di sopra del normale. Devi ricordare inoltre che ci vuole tempo per pitturare la casa dei sogni anche perché questa operazione deve essere effettuata con precisione nei dettagli.

Non puoi decidere di fare le cose in modo affrettato, altrimenti rischieresti di rovinare le pareti e le superfici del tuo appartamento. È importante che ti ricordi di avere anche una buona dose di forza di volontà. Grazie a tali caratteristiche, riuscirai a vedere il fatto di pitturare casa dei sogni non come una fatica da compiere, ma piuttosto come un impiego piacevole e rilassante!

Quali materiali scegliere per pittare la propria casa dei sogni?


Un altro consiglio che devi cercare di applicare al meglio riguarda la scelta dei materiali da impiegare per l’operazione di pittura della tua dimora. Per materiali si intende tutti quegli oggetti che devi utilizzare per pittare come ad esempio pennelli oppure vernici.

Per prima cosa, devi prendere in considerazione l’idea di utilizzare solo prodotti di qualità. Devi sempre ricordare che si tratta della casa dei sogni, un’abitazione che stai realizzando seguendo i tuoi gusti e le tue passioni in fatto di stile. Per questa ragione, scegli sempre di acquistare oggetti per la pittura messi in commercio da negozi oppure catene specializzate nella vendita di utensili del settore. In questo modo riceverai maggiori garanzie e sicurezze.

Anche per quanto riguarda la vernice, scegli se puoi, un prodotto longevo che riesca a durare nel tempo. È vero, forse spenderai di più, ma potrai finalmente completare i lavori nel migliore dei modi, pitturando in modo eccellente la casa dei tuoi sogni!

A chi affidarsi per pitturare la casa dei sogni?


Infine, è bene che tu sappia a chi affidarti se vuoi pitturare la casa dei sogni. Come detto in precedenza, pittare le pareti della propria abitazione è un’operazione che richiede tempo ed energie. Molti non possono lasciare le proprie attività quotidiane per dedicarsi a tale lavoro e per questo si affidano ad altri.

Se anche tu non puoi occuparti di pitturare la casa dei sogni, non devi affatto preoccuparti! Puoi affidarti ad un professionista del settore, che potrà svolgere il lavoro al posto tuo in modo efficiente e rapido.

Il consiglio è quello di commissionare la pittura della casa dei propri sogni solo a personale realmente qualificato, che possa offrirti garanzie riguarda al lavoro che andrà a svolgere. Scegli con attenzione la persona che svolgerà il lavoro e nota come svolge il suo incarico. Seguendo tali consigli, sicuramente riuscirai a completare la pittura della casa dei sogni!

]]>
https://www.antonioliso.com/pitturare-casa-dei-sogni/feed/ 0
Calce rasata bagno https://www.antonioliso.com/calce-rasata-bagno/ https://www.antonioliso.com/calce-rasata-bagno/#respond Mon, 03 Sep 2018 06:00:46 +0000 https://www.antonioliso.com/?p=3441 Innanzitutto devi sapere che la calce non può essere posata da tutti i muratori, infatti nel suo utilizzo bisogna essere delicati, pazienti ma sopratutto è necessario unire la quantità esatta di materiali, per ottenere un lavoro da maestri. Principalmente questo materiale puoi utilizzarlo per le finiture dei muri esterni e delle pareti, grazie alla sua proprietà antimuffa te lo consiglio caldamente per il bagno e la cucina.

Caratteristiche della calce

È giusto che conosci le caratteristiche della calce, che ti faranno decidere di utilizzarla. La sua proprietà principale è la traspirabilità, infatti se la utilizzi puoi aumentare la qualità e la durata della vita delle case e dei suoi inquilini, in quanto le pareti dell’abitazione respirano e ciò può fare solo che bene ad entrambi.

Questo è il motivo per cui è aumentato il suo utilizzo nel campo dell’edilizia, ma soprattutto nella bioedilizia. In questi anni le persone stanno rivalutando il fatto di usare vecchie tecniche della tradizione che unite alla tecnologia attuale possono trasformarsi in tecniche innovative. Esistono tre modi principali per applicare la calce naturale al bagno: grassello di calce, cocciopesto e tadelakt.

Grassello di calce

grassello di calce, stucco veneziano moderno

Questo rivestimento contiene un minerale al suo interno, che conferisce alla finitura un aspetto lucido, ed è l’ideale per ottenere una classica decorazione d’epoca. Puoi applicarlo come tutte le tipologie di calce, ma è reso unico dalle sfumature diverse in ogni stesura e soprattutto dalla mano di chi lo utilizza. Lo puoi inserire per decorare internamente una stanza e donargli un aspetto particolarmente storico. Durante l’applicazione potrai vedere uno strato dorato su di esso che non intaccherà minimamente la sua trasportabilità.

Cocciopesto

Il cocciopesto oggi lo puoi utilizzare per impermeabilizzare pavimenti interni ed esterni. È formato da frammenti di tegole distrutti e malta a base di calce aerea. Lo devi posare in diversi strati che presentano grana diversa per donare un effetto unico ed inimitabile.

Tadelakt

Il tadelakt è sempre a base di calce, ma è brillante e impermeabile, ciò lo rende perfetto sia per gli interni che per gli esterni. È utilizzato tradizionalmente per rivestire molte abitazioni in Marocco

Calce rasata

Decorazione con calce

Questa tipologia di calce puoi stenderla sulla superficie tramite l’aiuto di spatole in acciaio rigide e necessita di una manciata di minuti per asciugarsi. Ultimamente la calce rasata viene usata molto di più della classica pittura, soprattutto nei bagni. Devi sapere che non trattiene l’umidità poiché ha dei pori che consentono il passaggio dell’acqua, ma se la mescoli con il cemento questa particolare proprietà si ridurrà drasticamente.

Questa tecnica puoi realizzarla anche da solo, perché è facile da stendere, economica e veloce, ti basta essere un amante del fai da te e sei pronto per la posa. Quando utilizzi la calce rasata per creare un intonaco, devi ricordarti di trattarla di tanto in tanto applicandogli una nuova passata di calce molto diluita, utilizzando una pennellessa. Con questa operazione puoi pulire la calce che con il tempo si è sporcata, ma soprattutto rimuovere residui polverosi che potrebbero danneggiare la tua salute. In caso ti ritrovi delle crepe, rotture o della sporcizia sulla calce rasata già esistente, puoi tranquillamente passare una nuova mano su di essa cosi potrai riportarla al suo stato originario.

L’importante è che prepari accuratamente il fondo, in modo tale da renderlo liscio, pulito e completamente asciutto. Se vuoi stuccare questo materiale hai bisogno di utilizzare una spatola, invece per utilizzare la calce rasata come tinteggiatura userai la pennellessa.

Nello specifico posare il grassello di calce è un’operazione leggermente difficile da effettuare da soli e senza nessuna esperienza, infatti è consigliato farlo fare a decoratori esperti del settore sia che si tratta di stuccare che di decorare. In ogni caso se vuoi provare lo stesso da solo, devi ricordarti di inumidire le pareti con la pennellessa bagnata con l’acqua, questo per aumentare l’aderenza sul muro ed eliminare possibili residui di polvere.

Dunque se scegli la calce rasata per creare finiture oppure stuccare intere pareti del bagno, avrai un risultato sicuro, esteticamente perfetto ma fondamentalmente duraturo e rinnovabile nel tempo.

]]>
https://www.antonioliso.com/calce-rasata-bagno/feed/ 0